TREVISO – Una 18enne trevigiana, coordinatrice dell’Unione degli Studenti, è stata aggredita mentre viaggiava in treno da due sconosciuti che le hanno disegnato a forza su un braccio una croce celtica. Lo rende noto la stessa Unione degli Studenti (UdS), precisando che la ragazza, Ludovica Bragagnolo, ha presentato alla Polfer una denuncia contro ignoti.



Sono sempre più convinto che ormai Treviso stia diventando un’enclave irrecuperabile. Dopo le brillanti sparate del consigliere comunale leghista che proponeva metodi di rappresaglia per punire gli “extra” che rompevano le scatole agli italiani, ora questi due ignoranti picchiano la ragazza rea di non avere le loro stesse idee politiche.La cosa surreale è che
“I due sconosciuti sarebbero stati attirati dal fatto che la giovane canticchiava “Bella Ciao”.”
È come se io decidessi di prendere a ombrellate nei denti ogni ragazzino del cazzo che becco a canticchiare i Tokyo Hotel. Certo, magari mi è passata più volte per la testa l’idea, ma tra il pensare e l’agire ci dovrebbe essere quella specie di filtro chiamato “buonsenso” aka “rispetto” di cui spesso e volentieri le persone non sono dotate. Se a questo ci aggiungiamo un’ignoranza congenita derivata dal fatto anche solo di proclamarsi nazi nel 2008 il gioco è fatto.
Canti Bella Ciao? E io ti picchio!
Sei negro? Torna a casa tua!
I rumeni? Tutti ladri e stupratori!
Albanesi e marocchini? O spacciano o vendono accendini nelle stazioni!Ma è così complicato il concetto di interculturalità, dico io? Certo, mi rendo conto che certe persone manco la sanno leggere la parola interculturalità ma insomma.



* Un premio a chi coglie la citazione. Senza Googlare, ovviamente!
Advertisements